TRADUZIONI
RussoItaliano ItalianoRusso BulgaroItaliano ItalianoBulgaro CecoItaliano SlovaccoItaliano IngleseItaliano

pagina / 20

Gopak - danza dei cosacchi di Zaporozhye | Ilya Repin




Il dipinto di Ilya Repin "Gopak. Danza dei cosacchi di Zaporozhye" è dedicato alla memoria del compositore Modest Mussorgsky e alla sua opera "La fiera di Sorocinzy" : "... In una giornata allegra e calda i cosacchi si riversano sulla riva del Dnepr e, rallegrandosi per la loro salute e per la natura che li circonda, si divertono..."

Il personaggio principale del quadro nella parte destra è un cosacco che danza, vestito con un caftano orientale dai colori vivaci e decorazioni dorate, con pantaloni larghi e con cappello cremisi e la pistola nella cintura. Alla sua destra c'è un altro Zaporozhets che suona la bandura. A sinistra c'è la figura di un uomo che butta legna nel fuoco e un cosacco che salta attraverso il fuoco.

Poco prima della sua morte, Repin scrisse a Chukovsky: "Per favore, non pensare che io sia di cattivo umore in occasione dell'imminente morte. Al contrario, sono felice - anche in questa ultima lettera, scritta a te, caro amico... Prima di tutto, non ho rinunciato all'arte. Tutti i miei ultimi pensieri sono dedicate a Lei, e lo confesso: ho lavorato il più possibile sui miei dipinti, e ora, a quanto pare, lavoro da più di un anno (basta segreti!) - sul dipinto "Gopak", dedicato al ricordo di Modest Petrovich Mussorgsky. Che peccato: non poterlo finire. "

Video:
Modest Mussorgsky
Gopak dall'opera "La fiera di Sorocinzy".
Orchestra Sinfonica della Filarmonica di Kharkov.

Ritratto della Signora Stefka Gueorgieva Otmarova | Aneta Hodina



Questo ritratto è stato realizzato da Aneta Hodina, la prima donna a laurearsi all'Accademia Nazionale di Belle Arti in Bulgaria nel 1902, nella classe del prof. Jaroslav Veshin. Quadro dipinto a pastello su carta nella migliore tradizione accademica di quel periodo.
Aneta Hodina era una pittrice ceca che ha vissuto e lavorato in Bulgaria. Più tardi ha studiato a Monaco e Parigi.

Ivan Markvichka



Nato a Vidim, Cechia (Impero Austro-Ungarico). Studia a Praga e Monaco. Nel 1881 arriva in Bulgaria e insegna a Plovdiv. Uno dei fondatori dell'Accademia Nazionale di Belle Arti di Sofia (1896) e il suo primo direttore. Insieme a Anton Mitov, ha creato e curato la rivista "Arte". Il primo pittore che ha iniziato a dipingere quadri sul tema della vita popolare bulgara. Realizza ritratti di importanti personalità culturali e sociali bulgare, illustra libri, disegna affreschi e icone. Muore il 16 aprile 1938 nel suo paese d'origine.

"Rachenitsa"

Mercato di Plovdiv

Contadino
pagina / 20
© 2000-2018 Emilia Vinarova. Tutti i diritti riservati.